20+C+M+B+19

01_thumb4

Tutto era pronto. Non mancavano che loro.

Loro, che avevano il compito di ratificare, quanto di fatto era già avvenuto naturalmente fin dalla notte dei tempi.

Passando di porta in porta, accompagnati dalla stella più bella, erano soliti recare doni e benedire le antiche dimore, lasciando quel segno di gesso, che giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, mese dopo mese, avrebbe segnato il tempo del nuovo anno appena nato.

Il piccolo paese, sferzato da un insolito vento caldo, li attendeva con trepidazione e prendeva vita negli angoli più nascosti, man mano che le luci della notte si accendevano, illuminando le viuzze ed i cortili, le corti e gli avvolti, i giardini e le abitazioni.

02_thumb1

03_thumb1

Dal nulla, come fantasmi di un tempo che fu, uomini e donne e bambini intenti nelle loro quotidiane occupazioni si materializzavano, sorprendendo di volta in volta lo sguardo, che incessantemente andava in cerca di loro.

04_thumb1

05_thumb1

06_thumb1

07_thumb1

Sbirciando silenziosi i viandanti, che con vivissima curiosità erano giunti fin lì, in quel luogo sperduto, erano in attesa di rinnovare l'antica tradizione.

08_thumb1

09_thumb1

10_thumb1

11_thumb1

12_thumb1

13_thumb1

14_thumb1

15_thumb1

Finalmente, accompagnati da antichi canti e preceduti da uno stuolo di pastorelli, loro arrivavano, lasciando il tanto atteso segno sulla prima porta. E via via su tutte le altre.

Ancora una volta.


Nel mondo tedesco e nei paesi, che in qualche modo hanno subito o subiscono ancora la sua influenza, l'arrivo dei Re Magi è accompagnato da un significativo rituale, che prevede la scrittura di una strana sigla sulla porta delle case. Una scritta fatta rigorosamente con il gesso, facilmente cancellabile e modificabile anno dopo anno.

Questa misteriosa formula, che appare spesso non solo in Alto Adige, ma anche in vari paesi del Trentino, ha un significato molto semplice.

Le due cifre, che l'aprono e che la chiudono, vanno a comporre l'anno. Le lettere, invece, sono le iniziali dei nomi dei tre Re Magi: Caspar, Melchior, Balthasar.

Il nostro anno nuovo di zecca sarà quindi indicato in questo modo: 20+C+M+B+19.


Vi sarebbe anche una frase beneaugurante dietro a questa sequenza di lettere: Christus Mansionem Benedicat, cioè Cristo benedica questa casa.


Nella tradizione cristiana, come tutti sanno, i Re Magi erano accompagnati dall'arrivo della Stella Cometa.

Ecco allora che gli Sternsinger, i Cantori della Stella, diventano tutti coloro - adulti, ma soprattutto bambini - che, vestiti da Re Magi, portano avanti questa antica usanza e il 6 gennaio di ogni nuovo anno passano di porta in porta ad aggiornare la scritta sulle case.

Questo momento è molto sentito in vari paesi europei ed ha assunto nel tempo anche una valenza sociale, perché dal 1959 viene portata avanti, contestualmente alla benedizione delle case, una raccolta di fondi, che viene considerata fra le più grandi iniziative di solidarietà del mondo. Una raccolta realizzata dai bambini per i bambini.

Da allora, si legge, sono stati raccolti più di un miliardo di euro, che hanno finanziato più di 70.000 progetti a favore dei bambini in Africa, America Latina, Asia, Oceania e Europa dell’est.

I proventi della campagna 2019 saranno impiegati per aiutare i bambini diversamente abili.


La Canta della Stella si rinnova da circa una ventina d'anni a Faedo, caratteristico paese a picco sulla Valle dell'Adige.

Un'iniziativa locale, che di anno in anno attira sempre più persone, desiderose di assistere non solo al corteo e all'antico rito, ma anche di ascoltare i canti della tradizione, trasmessi di padre in figlio fin dai tempi più remoti.

Tutto da vedere anche il Presepe a grandezza naturale, le cui figure sono sparse ovunque.


Ah, gente dell'armadio, Buon Anno!

Commenti

  1. stupendo Federica ...non la conoscevo questa usanza...hai inaugurato il nuovo anno in modo esemplare...bacioni cari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Giusi! Speriamo che l'anno proceda in modo altrettanto esemplare.

      Elimina
  2. Cara Federica, questo è un grandioso post, le foto ti fanno vedere le vecchie usanze!!!
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso, io con le vecchie usanze ci vado a nozze.
      Mi piace tutto quanto arriva dal passato, soprattutto se è legato alla vita contadina.
      A presto.

      Elimina
  3. Che meraviglia! Finalmete ho scoperto il significato delle strana sigla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Barbi, ci avrei scommesso che ne tuoi giri in Alto Adige le avessi notate!
      Guarda che, comunque, per molto tempo pure io non sapevo cosa significasse questa formula. E' una scoperta relativamente recente.

      Elimina
  4. Ma che bel post! E stupende le foto!
    Queste tradizioni sono fantastiche! Sarebbe un peccato perderle ma per fortuna c'è chi le tiene vive.
    Ciaoooo e buon anno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patri, le tradizioni sono importantissime, senza di esse non si può comprendere il nostro presente.

      Elimina
  5. Ma che bella usanza! Mi ero sempre chiesta il signoficato delle scritte in gesso sulle porte in Alto Adige. Adesso ho avuto la risposta! Buon anno anche a te carissima. Che sia pieno di Sole! Un forte abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria, bentrovata! Sì, un'usanza davvero particolare, che per fortuna è ancora molto sentita.
      Si sta sempre più diffondendo anche in Trentino.
      A presto.

      Elimina
  6. Che meraviglia, Fede! Grazie x la condivisione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Liria, di nulla. È sempre un piacere condividere con voi le mie scoperte.

      Elimina
  7. Bellissima tradizione e belle e suggestive le tue foto... Buon anno!!
    Lulù

    RispondiElimina
  8. Bellissimo pos, bellissimi posti! Che magia poter viaggiare nel tempo con queste meravigliose usanze e nello spazio con il tuo post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda chi si rivede!!! Hanno effettivamente detto che arriverà la neve ... Mariaaaaaaaaaaaaaaa ..... finalmente torni fra noi!!!! Quando ricomincia a scrivere?
      Concordo, le usanze e le tradizioni sono un magnifico viaggio .... non serve nemmeno andare chissà dove .... l'Italia è strapiena incredibili opportunità!

      Elimina
    2. Hihihi a volte ritornano! Quando riprenderò a scrivere? Un domandone! Non so... è un periodo strano: le cose che mi divertivano e rilassavano stavano diventando una fonte di stress perciò ho chiuso a chiave la porta della mia craft room e vago in giro senza meta....

      Elimina
    3. Quello che ho fatto io per un sacco di tempo.
      Di una cosa comunque sono certa: l'impulso creativo non muore, al massimo si trasforma.
      Vaga, vaga ... tanto poi ci ritroviamo!!!

      Elimina

Posta un commento

Lascia traccia del tuo passaggio, leggerò con piacere e risponderò appena possibile!

Metti la spunta a 'Inviami notifiche', per essere avvertito via mail dei nuovi commenti.

AVVERTENZA!
Se lasci un commento, devi aver ben presente, che il tuo username sarà visibile e potrà essere clikkato da altri utenti.
Ogni visitatore, quindi, potrà risalire al tuo profilo Blogger/Google+.

Informativa sulla privacy