Le mie cose sono troppe. Quale butti giù dalla torre? Nessuna.

Ma come faccio a farle tutte? Una alla volta.

13 novembre 2014

UN TÈ DENTRO L’ARMADIO (22/2014) - Miele e crocette

Profumo di miele nell’aria, ma un profumo davvero intenso.

C’è sempre stato dentro l’armadio (quello vecchio, non il mio armadio), ma non è che da lì abbia avuto la possibilità di diffondersi molto frequentemente, devo essere sincera. L’altra sera, invece …

01

Mi sono un po’ sorpresa, perché l’idea non è stata mia. L’idea di farlo uscire fuori, intendo.

Solo che poi, mentre cucinavo, ho sentito un ronzio ed ho pensato che non poteva essere, perché già l’altro giorno una l’avevo stecchita, non ce ne poteva essere un’altra, almeno non in novembre.

E invece sì! Ce n’era un’altra.

02

La bastarda … pure indaffarata era, lì con un secchio di miele in testa a scorrazzare nella mia cucina. Però aveva un’aria simpatica e non me la sono sentita di accopparla.

Il fatto è che poi il ronzio è raddoppiato e alla delinquente si è aggregata un’altra sua simile. O erano altre due? Di fatto non si capiva, se queste stavano litigando fra di loro oppure se si aiutavano per trasportare la preziosa merce.

03

Però io mi sono sentita buona ancora una volta e le ho lasciate volare liberamente, mentre preparavo la cena.

Senonché, e qui un pochino mi sono anche girate, altre tre sono arrivate a disturbarmi, perché queste manco lavoravano, andavano semplicemente a spasso.

04

Ma, insomma, avete finito sì o no? ho urlato con una certa foga. Perché? Che abbiamo fatto? hanno chiesto impaurite le piccole pesti. Niente, state solo ronzando, direi che basta ed avanza! Della serie non vi allargate troppo, eh! Voi ben capite, che sei piccole api ronzanti in cucina, seppur carine, disturbano. Ma ci hai create tu e per una volta che usciamo dall’armadio ….

Però avevano ragione le apine, per una volta che erano state tirate fuori (da Papallo, non da me), avevano davvero il diritto di sgranchirsi un po’ le gambe ali, o no?

Questo per dire che, un paio di giorni fa, è stata riesumata la parure (da sei, ché io vado sempre all’ingrosso) di tovagliette e tovaglioli mielosi, che avevo ricamato agli albori della mia carriera creativa, quando il solo unico mio hobby era il punto croce.

Erano i tempi, in cui avevo la convinzione assoluta, che la mia cucina sarebbe dovuta essere gialla (il giallo è, per chi non lo sapesse, il mio colore preferito) e quindi vi pare che avrei potuto ricamare fiorellini rosa mutanda? Certamente no! Poi sono rinsavita e la cucina ha cambiato colore, ma questo è solo un dettaglio.

Vi dirò, la mattina seguente, me le sono guardate proprio con affetto le mie Maia Uno, Maia Due, Maia Tre, Maia Quattro, Maia Cinque e Maia Sei ed ho pensato, che non era affatto male fare colazione in loro compagnia.

05

Ah, per la cronaca, domenica mattina ho trovato davvero un’ape che svolazzava dentro la mia cucina, ma non c’è stato molto miele per lei!

 

Qui trovate tutte le informazioni relative a Un tè dentro l’armadio.
 

Abbiamo parlato di:

CUCITO con

Dolcezze di mamma - Di borsine feltrose e autunnali

MAGLIA con

DECORAZIONI con

Decoriciclo - Tovaglia "Erbario", dipinta a mano

GIARDINAGGIO con

CUCINA con

Africreativa - Cuori di carciofo ripieni e focaccia taleggio e pancetta di Claudia

LIBRI con

FOTOGRAFIA con

IDEE CASA con

VIAGGI con

NATALE con

I Tommasini 4 you - E' tardi, è tardi !!!!

IDEE RANDOM con

 


Aggiornamento del 14 settembre 2017

Questo post partecipa a

01


01

25 commenti:

  1. Che dolci le piccole Maia!! E simpatica la storia che ci hai "ricamato intorno"
    Complimenti per il set davvero molto carino!!

    un abbraccio
    Sara
    This is Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto che dolci? Tipico ricamo da ragazza ... più giovane. Non so, se adesso mi metterei a ricamare api. Però ricamo storielle!

      Elimina
  2. Sei!!! Ma sei stata bravissima!!! Io a stento ne faccio tre, che poi se ricamo sempre le stesse cose poi mi annoio!!!

    RispondiElimina
  3. Ma che belle 'ste apice che svolazzano!
    Brava Federica! Dovrei rispolverare anche io un po' di punto croce.
    Compliment per i ricami e grazie per il nostro appuntamento "tè e biscotti".
    Oggi ti porto due ricettive salate. Va bene?
    Un abbraccione Maria
    http://portugalli.blogspot.it/2014/11/cuori-di-carciofo-ripieni-e-focaccia.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo che va bene, Maria!! Le tue ricettine sono sempre golose. Corro a vederle!

      Elimina
  4. Che belle le tue api! Il ronzio si sente da qui!
    Posso partecipare al thè con un vecchio post creativo, per ricordarmi che dovrei anche lavorare con le mani di tanto in tanto?
    http://dolcezzedimamma.blogspot.it/2014/10/di-borsine-feltrose-e-autunnali.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certamente! Me le ricordo le tue borsine!
      E buona creatività!

      Elimina
  5. scusa ma cos'hai da dire sulla cucina gialla? la mia lo è stata per anni :)) il tuo racconto è bellissimo, e le tue api...beh non so cosa dire, addirittura raccontare un storia col punto croce, lo sai che il limite tra genialità e follia è molto sottile?
    (bravissimaaaa)
    carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non l'hai ancora capito che io un po' svitata lo sono? Però sospetto che lo sia un po' anche tu ... per dire, eh!
      Ma non ti stavi organizzando per il tè?

      Elimina
  6. Hai fatto bene a prenderle fuori sono davvero carine e mettono subito di buon umore! Io prendo un tè parlando del Natale che sta arrivando e io non ho ancora preparato niente: http://itommasini4u.blogspot.com/2014/11/e-tardi-e-tardi.html.
    Va bene come chiacchiera? Grazie Giorgia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiacchiera? Ma questo è un capolavoro natalizio! Ed entra a buon diritto nella categoria! Bravissima!

      Elimina
  7. Mi fai sempre ridere! =)
    Le tue apine sono troppo belle e io oggi ti porto un po' di fiori di campo, dipinti su una tovaglia, sui quali potranno svolazzare allegramente.
    http://decoriciclo.blogspot.com/2013/02/tovaglia-erbario-dipinta-mano.html
    Buon we! =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io rido, perché ridi tu, cara Daniela!
      Vengo a vedermi il tuo capolavoro (lo sarà di certo), perché questo mi manca!

      Elimina
  8. Ma quanto sarai simpatica??? e pure brava a ricamare ;)))))))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E come poteva mancare la regina dei fiori in un post che parla di apine?
      Ciao, Lieta!!!
      E' sempre un piacere!!!!

      Elimina
  9. Ma che belle apine! E se ronzano lasciale ronzare. A volte dan più fastidiocerte persone che parlano di aria fritta 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patri ma con chi ce l'hai questa volta? 😁

      Elimina
    2. Marina, di quelle persone amanti del "dialogo" a senso unico. Quelle che parlano parlano parlano e tu devi bovinamente ascoltare e mai contraddire. Quelle che ad ascoltare non sono mai disposte.
      Ne ho incontrate parecchie ultimamente ma.... zac! Cesoie e viaaaaaaa!
      Tra parentesi,merci! Mi hai suggerito un post per i prossimi giorni. 😊

      Elimina
    3. Viva le cesoie.
      Ho potato tanto pure io, peccato che non l'ho fatto prima.

      Elimina
  10. Mi hai riportato alla mente l'incubo di quest'estate che un ape o forse vespa regina si è intrufolata in cucina. Un incontro ravvicinato da brivido. Ho saltato perfino la cena! Le tue apine invece sono carine carine, e la storia è divertente 😊
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, Marina, finché rimangono su tela, stanno bene pure a me.
      Altrimenti non è che siano proprio animaletti adorabili, eh!

      Elimina
  11. Simpaticissime! Davvero complimenti ^_^
    Maris

    RispondiElimina