Le mie cose sono troppe. Quale butti giù dalla torre? Nessuna.

Ma come faccio a farle tutte? Una alla volta.

17 settembre 2017

Cucine di guerra

01

    gavetta militare mod. 1930 – alluminio – Corpo degli Alpini

Parecchie sono state, negli anni, le mie peregrinazioni su luoghi di guerra più o meno famosi, sia in Italia – soprattutto nella mia regione – sia a zonzo per l’Europa.

Non sono sicuramente un’appassionata del genere e, men che meno, un’esperta, ma sicuramente non rimango indifferente alle suggestioni, che tali luoghi evocano.

Di sicuro, poi, credo fermamente all’importanza di conservare il ricordo e di tramandare la memoria di vicende dolorose, che hanno segnato il territorio e, tutto sommato, non posso non nascondere un certo patriottismo, quando i luoghi sono quelli della nostra bella Italia.

Ciò che più mi affascina, nelle mie visite a musei, forti, ossari e installazioni militari in genere, sono le testimonianze della vita di tutti i giorni, perché credo che solo questo aspetto ci permetta di (ri)portare alla luce un’umanità, che in certi contesti pare andata perduta.