Le mie cose sono troppe. Quale butti giù dalla torre? Nessuna.

Ma come faccio a farle tutte? Una alla volta.

29 aprile 2017

ISPIRAZIONI & CO. - BARBIE - Sfilata di moda vintage

01

A volte, nella vita, ci si presentano delle occasioni, che sarebbe un delitto non cogliere, soprattutto trovandoci di fronte ad una congiunzione astrale più unica che rara.

Immaginiamo un sabato pomeriggio così equipaggiato:

1) nessun impegno improrogabile

2) una discreta stanchezza, ostacolo insormontabile per attività più utili

3) una certa propensione al fankazzismo

4) un Pripi stranamente e sorprendentemente collaborativo, anzi – roba da non credere – pure interessato ad un’attività prettamente femminile

5) un tema del mese propizio come non mai

6) anticipazioni compromettenti dell’altra Comare

7) voglia di revival

Ecco allora organizzato, in men che non si dica, un pomeriggio strepitoso, di quelli che … perché non l’ho mai fatto prima?

 

La mia prima Barbie risale al tempo delle elementari.

Ne sono certa, perché ho un ricordo molto nitido di quel regalo ricevuto a Santa Lucia e sottratto in pochissimo tempo. Si era materializzato, come da tradizione, al mattino del fatidico giorno, che – ahimè – era pure un giorno di scuola, per cui, aperto il pacchetto, ad attendere non vi era che la cartella.

Quale Barbie fosse, non è dato sapere, ma certamente era una Barbie molto classica: bella, slanciata, assolutamente bionda e con i capelli lunghi.

Ciò, che invece è certo, è l’abito che l’accompagnava.

01

Dalle ricerche fatte in rete pare che questo abito, catalogato come Best Buy Fashions #7750, sia un modello del 1974 .

I tempi coinciderebbero, perché nel luglio del 1974 io ho compiuto sei anni e nell’autunno successivo ho cominciato la prima elementare. Quindi l’informazione sarebbe compatibile con i miei ricordi.

Pare sia difficile trovare questo abito con il cravattino nero integro e con la fibbia della cintura blu: Barbie fashion cotton print blue print suit, has hard to find black tie still intact and very rare white and blue buckle bet. Nice.

Questa la descrizione su un sito specializzato, dove l’abito viene venduto oggi a 34 dollari!

Della cintura non ho ricordo e neppure del cravattino, però il puntino nero ancora oggi visibile sul collettino del mio modello originale mi fa pensare, che ci fosse davvero!

02

La borsetta e le scarpine non facevano parte della confezione, ma sono state abbinate, attingendo alle mie personali collezioni.

06

03

Scarpe, sandali e stivali. Un solo paio, ma che io adoravo!

Osservandolo oggi, capisco il perché … tacco alto, molto simili alla vera pelle (anche se erano assolutamente di plastica) e una decorazione, che riproduceva perfettamente il gioco di lacci, che era tipico degli stivali degli anni ‘70.

04

E la Barbie qui sopra?

Era originariamente la cosiddetta Barbie Happy Birthday, il cui primo modello risale, pare, al 1980.

02

Aveva dei capelli a dir poco raccapriccianti, corti e ricci davanti, lunghi e lisci dietro, decisamente anni’80!

La folta chioma non esiste più, perché il capello riccio non mi è mai piaciuto e ho fatto di tutto per cambiarne l’aspetto. Anche la lunghezza originale è un vago ricordo … taglia qui e taglia lì, pare che i capelli della Barbie non ricrescano.

Però l’abito esiste ancora, anche se l’adesivo floreale è finito da tempo nella spazzatura, sostituito da stickers molto luccicanti, che mi pare fossero parte integrante della confezione.

05

Nonostante la capigliatura fluente, che per le bambine era una caratteristica praticamente indispensabile, questa non è mai stata la mia Barbie preferita. Certo era la più recente, quindi la più nuova, ma era completamente priva di fascino.

Decisamente più bella, e lo era veramente, era la Barbie Hawaiana: carnagione dorata, capelli neri e lunghi, viso molto esotico.

03

Negli anni i tratti, naturalmente, sono cambiati, mentre la dotazione è rimasta sostanzialmente la stessa.

07-08

Se per caso vi state domandando, dove siano finiti i lunghi capelli hawaiani, è presto detto: sotto la parrucca! Non era rimasto molto dopo i ripetuti tagli!

09

Del resto una Barbie, che all’epoca possedeva un vero salone di bellezza, non poteva mica non cambiare look di tanto in tanto, non credete?

04

Esiste ancora, in confezione originale, sigillato in cantina. Mentre gli accessori e il camice erano, per fortuna, nella scatola dei vestiti, che ho recuperato. Sennò come avrei potuto giocare oggi?

10

11

Volendo essere precisi, il set rosa faceva parte del bagno di Barbie.

05

Ma torniamo alla nostra sfilata di moda!

È stato piuttosto divertente girovagare per il web, ritrovando alcune mises familiari, anche se spesso in immagini di qualità piuttosto scarsa.

E naturalmente riproporle!

06

12

Più divertente ancora ritrovare gli abiti, scoprirne la catalogazione e qualche notizia in più.

07

Best Buy Fashion #9571, 1 gennaio 1976

The long sleeveless dress with white lace trim around the neckline was fashioned of pretty, woven, red and white floral fabric. Three rows of lace accented the hem.

08

Best Buy Fashion #9574, 1  gennaio 1976

Cute casual wear for Barbie® doll featured cuffed denim capris with an elasticized waist; red, white, and blue striped tricot knee socks; and a red tricot long-sleeved top with blue stitching, #7, and two stripes on the left sleeve.

Ma non limitarsi a quello!

13

14

E così vi posso anche presentare la mia Barbie preferita. Quella che io adoravo. Era la Malibu Christie del 1973, una Barbie di colore, che veniva venduta con un attillatissimo costume rosso (oppure giallo) e un asciugamano da spiaggia.

09

15

L’adoravo sì, ma questo non mi aveva impedito di mozzarle il naso con una forbicina appuntita. I motivi del gesto sono ancora oggi sconosciuti.

16

Inutile non ammettere che, fra un cambio d’abito e l’altro, ho trascorso l’intero pomeriggio, fra completi da giorno…

17

18

19

… e vestiti più eleganti.

20

21

Non mi è stato possibile verificare l’originalità o meno di questi ultimi cinque abiti, perché non ho trovato notizie in merito. Di sicuro l’ultimo qui sopra era nel guardaroba di una qualche bambola simil-Barbie, perché le maniche erano piuttosto corte e la vita troppo larga, ma era adattabile, per cui andava comunque bene.

Non potevano mancare gli abiti da sera, che ovviamente erano rosa confetto (io non ho mai capito, perché il mondo della Barbie debba essere tutto dipinto in questo fastidiosissimo colore!).

Per lungo tempo questo fu il mio preferito…

22

… finché non venne soppiantato da quello scintillante, che pareva uscito dall’armadio della Lollobrigida.

23

Le mie Barbie avevano anche a disposizione un cappotto (con un cappuccio così largo, che ci potevano stare dentro tutti i capelli cotonati di Moira Orfei) …

24

… un paio di short (che forse un tempo erano abbinati a qualcosa) …

25

… un gilet piuttosto vistoso (i cui pantaloni verdi a zampa non esistono più) …

26

e cioè che rimane di un assolutamente-non-originale abito da sposa.

E questo era veramente la frustrazione massima.

27

Perché non ti potevi certo lamentare, se qualcuno arrivava con il vestitino in regalo, ma se il vestito in questione non era originale, dovevi sudare sette camicie per farlo indossare alla Barbie. Se poi apparteneva a una di quelle bambole, che alla Barbie assomigliavano appena e non erano neppure della stessa grandezza, era un vero supplizio.

L’abito da sposa sopra – proprio l’abito da sposa, eh! – era almeno di due taglie più piccolo, per cui aveva la manica corta e soprattutto la vita, che non coincideva minimamente con la vita della mia bambolina preferita.

A forza di tira e molla, quindi, il corpetto si è staccato irrimediabilmente e dell’abito è rimasta in pratica solo la gonna.

Una tristezza infinita insomma.

Gli abiti delle mie Barbie, quando non erano appesi nell’armadio della cameretta, erano riposti con cura massima nella famosissima valigetta dei vestiti, che era praticamente un must, avendo persino lo scomparto per tenervi la Barbie (anche se io riuscivo a farcene stare due).

La mia, purtroppo, non esiste più.

10

Beh, è ora di andare … che vestito mettereste in valigia?

28

Questo post partecipa (con divertimento, nostalgia e commozione) alla raccolta di aprile di

01

dedicata al gioco più bello del mondo!

01

7 commenti:

  1. Proprio un tuffo nel passato cara Federica!
    Quante Barbie e quanti vestiti!
    Una vera sfilata!
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ci vogliono pure i tuffi nel passato ogni tanto.
      Buona domenica, Maria!

      Elimina
  2. Di tutto quello che hai presentato, anche negli altri post, molto ha fatto parte della mia infanzia ma non ho conservato nulla, l'ho regalato e donato. Ai miei tempi la barbie era uno status symbol, ma non l'ho mai amata particolarmente.
    Sbirciando tra i post chi ha partecipato, direi che avete esaurito l'argomento. La mia idea richiede tempo per essere realizzata, non credo di farcela ma chissà ....
    Ciao Federica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina. Ti aspettiamo allora per il prossimo tema. Da domani! Chissà che sarà!

      Elimina
  3. Ciao, sono capitata sul tuo blog per caso e sono rimasta folgorata da questa passione che ci accomuna. Io non ho avuto molti accessori di Barbie da piccola, ma da "grande" ho recuperato un po' ed ora porto sempre con me nei mercatini gli abiti di Barbie che continuo a realizzare.
    Complimenti per questa tua sfilata.
    Mariagrazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria Grazia, benvenuta nell'armadio!
      In realtà non sono una fanatica, ho solo passato un pomeriggio piacevole a tema #barbie. Diciamo che il tema del mese, mi ha dato una valida scusa per giocare!
      Peccato che non hai potuto partecipare alla raccolta #barbie, chissà quante chicche avrai da mostrare!!!
      Se ti va, puoi sempre iscriverti alla community su G+ o nel gruppo su Fb di Ispirazioni & Co., dove i temi del mese durano per sempre ... cioè anche se il tema cambia una volta al mese, si può sempre proporre materiale sui temi trascorsi, la cui lista è disponibile nei gruppi.
      Ti aspettiamo!

      Elimina
  4. Ciao Federica, ti ho nominata per una iniziativa a tema anni 80!
    Chi poteva meglio di te può fare un post sull'argomento dato che il tema ha fatto già parte di Ispirazioni&Co?
    Se hai voglia e tempo. La partecipazione è libera.
    Marina

    RispondiElimina