Le mie cose sono troppe. Quale butti giù dalla torre? Nessuna.

Ma come faccio a farle tutte? Una alla volta.

28 settembre 2016

ISPIRAZIONI & CO.- FANTASCIENZA - Star Wars Minifigures

Si può ben dire che sia fantascienza!

E non mi riferisco tanto al tema del mese di settembre 2016, che assieme a Monet sta facendo impazzire la cara Patricia.

01

Mi riferisco piuttosto al fatto, che dalle parti dell’armadio ultimamente non passo davvero più. Quasi un mese dall’ultimo post, letture dei blog amici al rallentatore, partecipazione alle nostre community ridotta al minimo indispensabile per la sopravvivenza.

Insomma Vite a regola d’arte sta monopolizzando tutto il mio tempo online e sta risucchiando Ispirazioni & Co. nel pericolosissimo vortice dell’abbandono.

Questo, inutile dirlo, non mi piace. Non mi piace per nulla. Non piace a nessuna delle Comari in verità, ma al momento non riusciamo a fare di meglio.

Ovviamente si va avanti, eh! Non pensate di liberarvi di noi.

 

Prima che la raccolta si chiuda, eccomi a segnalarvi un simpatico libro, che ha fatto la felicità del Pripi, quando – in piena fase Star Wars – se lo è visto recapitare da Babbo Natale.

01

Più di 1000 stickers riutilizzabili, che illustrano tutti i personaggi di Guerre Stellari in versione Lego.

Questo regalo, sappiatelo, mi è costato un periodo estenuante di interrogatori serali, in cui il pargolo, sicuramente più esperto di me, a libro chiuso, mi sottoponeva alle domande più disparate. Tipo di armi del Generale Grievous o di Shahan Alama o di Asajj Ventress? Tipo di abbigliamento del Cancelliere Palpatine o del Capitano Rex? È vero che? È falso che?

Ma mi è costato anche l’altrettanto faticosa elencazione del mio preferito nella pagina degli Alieni poco amichevoli o in quella de I potenti droidi oppure in quella de I Signori dei Sith.

A me, che distinguo a stento il Maestro Yoda dalla Principessa Leila, ammesso ci sia qualcosa da distinguere, è costato sudore questo libro, miseria. E pensare che l’ho pure suggerito io a Babbo Natale!

Il libro in questione, però, ha permesso anche di passare un interessante pomeriggio creativo, uno di quei pomeriggi cominciati in compagnia di mamma, felice come una Pasqua di poter partecipare alle attività ludiche del pupo, ma terminata in perfetta solitudine, in quanto sempre la medesima mamma non è risultata esattamente competente in materia di eroi dello spazio.

Recuperati due grandi fogli bianchi, in realtà i passe-partout delle cornici servite per i miei quadri pop art, e unitili assieme con una bella striscia di scotch, ci siamo trovati con una tela di 1,40 x 0,50 m, scenario perfetto per una battaglia stellare, come non si era mai vista.

02

Da madre coscienziosa avevo tirato fuori dall’armadio tutta una serie di materiali potenzialmente utili allo scopo, gomma crepla in testa.

03

Ma la prole, in giornata non mi servono suggerimenti, ignorando il ben di Dio allineato sul pavimento, aveva ben presto abbandonato il tutto, lanciandosi direttamente sui pennarelli.

04

A quel punto la mia partecipazione era già diventata un optional. Unico divertimento lo scatto compulsivo per immortalare l’evento. Meglio che nulla, no?

Buoni contro cattivi era stata una scelta ovvia.

05

Meno scontata la scelta del pennarello multiplo per rendere al meglio l’effetto della battaglia. Ma si fa così mi è stato detto.

06

Chiaramente non poteva mancare La Morte Nera, vera macchina da guerra, riempita come un uovo di cattivi di ogni tipo.

07

Saturato per bene il foglio …

08

… non restava che appenderlo nella parte alta della camera, sopra la porta, dove, a distanza di molto tempo, ancora campeggia a ricordare, che il mondo è sempre fatto di buoni e cattivi.

09

E questo post va naturalmente ad incrementare la raccolta, piccola piccola, di #ispirazioniandco #fantascienza.

 

6 commenti:

  1. Per fortuna che mio figlio quando c'è da disegnare non mi prende neanche lontanamente in considerazione! Bravissimo Pripi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, onestamente, quando mi domanda di disegnare insieme a me scatta il panico. Detesto disegnare, non ne sono minimamente capace e faccio delle schifezze cosmiche.
      Ogni tanto, però, mi sottopongo a questa tortura.

      Elimina
  2. Voi siete bravissimi!
    (anche se tu mi trascuuuuuuri, io ti penso! Appena in tempo ho partecipato per Monet. Anche se il post sembra non essere pertinente...il vassoio completo dei cadeax mi è sembrato mooolto impressionista. Se pensate che non va bene, eliminatelo. Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Liria.
      Lo so che ti trascuro, in verità trascuro un sacco di blog, ma non riesco veramene a trovare il tempo per leggere. E non sai quanto mi dispiace, accidenti.
      Il post è in raccolta, tranquilla!

      Elimina
  3. E vai con la fantasia-fantascienza !
    Cosa non sanno inventare i bambini!
    Latito anche io un sacco causa bimij in ospedale ma una capatina nell'armadio la faccio sempre volentieri! ;-)))
    Bacioni
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria per essere sempre presente!

      Elimina