Le mie cose sono troppe. Quale butti giù dalla torre? Nessuna.

Ma come faccio a farle tutte? Una alla volta.

28 marzo 2016

Insieme Raccontiamo 7 - Il sogno

Settimo, imperdibile, appuntamento con Insieme Raccontiamo, l’ormai conosciutissima iniziativa di Patricia.

banner

Dieci giorni (dal 20 del mese alla fine dello stesso) per dare un finale all’incipit della padrona di casa, seguendo sempre le solite regole:

  1. un incipit, due possibilità di completare il racconto (200/300 battute; 200/300 parole);
  2. si può partecipare, scrivendo un finale breve, un finale lungo oppure due finali diversi
  3. i due finali possono anche essere concatenati;
  4. il post può essere arricchito con un motivo musicale, con un video, con un disegno, con un’immagine

 

Questo mese Patricia è stata veramente tremenda, l’incipit era davvero molto difficile …

Riguardò la foto. Che strano! Li ricordava felici. Ora erano tristi. No! Impauriti. Li vide spalancare gli occhi, terrore nel loro sguardo. Incredulità.

Poi caddero a terra.

Dietro a loro un'ombra nera. Un fantasma informe. Solo un ghigno diabolico dove ci doveva essere la bocca.

“Vengo da te” le disse.

… o forse scrivere dopo una notte insonne non è esattamente l’ideale, ma qui il tempo stringe, siamo agli sgoccioli, non posso mica mancare, no?

Questo il mio finale (300 parole esatte):

Inaspettatamente l'Illusione era comparsa e si era insinuata all'interno di quell'istantanea, cogliendoli di sorpresa. Era venuta ad esigere il suo compenso.

Le loro espressioni erano cambiate, un velo aveva offuscato i loro occhi, lo sconcerto aveva incorniciato i loro sorrisi.

"Che cosa credevi?" - le disse - "che fosse tutto vero?" "Pensavi fosse così semplice, automatico, scontato? Le favole non esistono e il lieto fine non c'è mai. Non in questi casi."

Sussultò, vedendo l'immagine sbiadire, i tratti affievolirsi, le tinte schiarirsi. E quando i piccoli frammenti scivolarono sul pavimento, sentì il cuore stringersi in una morsa.

collage seppia

Capì che l'Illusione era venuta per portarsi via il suo sogno, pezzo dopo pezzo, e rimase come pietrificata, i pensieri immobili, il corpo intrappolato.

Credette di impazzire.

L'aveva conservata gelosamente per molti, moltissimi anni; non era una vera fotografia, si intende, era solo un ricordo, ma i contorni erano così perfettamente delineati e i colori così intensi, che pareva che il tempo si fosse fermato in quell'istante per sempre.

Klimt - Bacio

Non c'era mai stato, né prima né dopo, un momento simile nella sua vita, per questo era così profondamente parte di lei e, prezioso tesoro nascosto, era stata la sua ancora di salvezza nei momenti più bui.

Il destino, quando ormai non ci sperava davvero più, gliela aveva rimessa in mano e l'aveva trovata ancora più bella di quanto ricordasse. Per un attimo era parso che tutto avesse un senso.

Le lacrime cominciarono a scendere copiose, lasciandola senza forze, completamente disorientata: non poteva credere che fosse vero, non poteva essersi sbagliata.

Cominciò convulsamente a cercare in mezzo a tutte quelle tessere sparse, finché, d'istinto, allungando una mano, riuscì ad afferrare l'essenza di quel tutto, prima che l'Illusione riuscisse a farlo scomparire.

mani frammento ritaglio

Si svegliò di soprassalto.
Era lì, ora, diverso, reale.
A portata di mano.

 

Qui i racconti di tutti i partecipanti.

E qui sotto le mie precedenti partecipazioni a Insieme Raccontiamo:


Insieme Raccontiamo 1 - La giostra
Insieme Raccontiamo 2 - Sopra una nuvola bianca
Insieme Raccontiamo 3 - Il sabba
Insieme Raccontiamo 4 - L’angelo
Insieme Raccontiamo 5 - Collisione
Insieme Raccontiamo 6 - Anahata
 
 
Arrivederci al prossimo appuntamento.

8 commenti:

  1. E brava Squitty!!!! Guai a te se mancavi :)))
    Bellissimo come sempre. Il quadro di Klimt è perfetto!
    Grazie e al primo aprileper il riepilogo..... se non vi faccio il pesce di aprile ahahahahahahhahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no che non manco, Patri!
      E adesso, spero già in serata, vedo di farmi un giro fra gli altri racconti!

      Elimina
  2. E brava Federica!
    Scrittrice nata!
    Un abbraccione
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahha, ma che scrittrice, Maria!!!
      Vado a tentoni ...

      Elimina
  3. ha detto bene Maria! sei proprio brava Squittina... scrivi benissimo... è un piacere leggerti!
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinide, io sono ben contenta dei lusinghieri complimenti ma - davvero - mi sento veramente una dilettante.

      Elimina
  4. Ciao Federica, bellissimo questo racconto abbinato al bacio di Klimt, è vero l'essenza della vita è in quella tessera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono pienamente d'accordo, Anna Maria!

      Elimina