Le mie cose sono troppe. Quale butti giù dalla torre? Nessuna.

Ma come faccio a farle tutte? Una alla volta.

5 gennaio 2016

Insieme Raccontiamo 4 - L'angelo

Che cosa è successo questo mese a casa di Patricia?

Tante cose davvero: è scoppiata la lavastoviglie, si è allagata la casa, è stata smontata la cucina (un ottimo passatempo per le feste), è stata comprata una lavatrice nuova, perché la lavastoviglie aveva paura a viaggiare da sola, Papaya ha protestato perché non ha ancora una cuccia degna di tale nome ...

... e poi è scattato il quarto appuntamento con Insieme Raccontiamo.


Le festività natalizie hanno un pochino modificato la tabella di marcia, ma non hanno cambiato le regole per partecipare: un incipit, due possibilità di completare il racconto (200/300 battute; 200/300 parole). Ovviamente rimane valida l'opzione di scrivere due finali diversi oppure di concatenarli uno all'altro, come abbiamo già visto in varie occasioni.

La novità di questo mese consiste nella possibilità di inserire una colonna sonora per accompagnare il post (PiGreco docet).

Ecco dunque l'incipit  di Patricia ...


Abbandono

L'aveva abbandonata sulla strada. In piena campagna, località Valle Rossa.
Un posto isolato e solitario. Poche auto, nessuna cascina nel raggio di un paio di chilometri.
Nel momento stesso in cui le aveva voltato le spalle per tornare indietro, si era sentito più leggero. Quasi felice. Cantava.


.. che io ho continuato così ...




Ce l'aveva fatta, quasi non ci credeva. 
Aveva aspettato quel momento per lunghi, lunghissimi anni ed ora che era libero, quasi libero, si sentiva tramortito.
Compiva gesti che pareva non avessero alcun senso, ma i segni erano stati chiari e lui non poteva sottrarsi al suo destino.
Qualcuno gli aveva spiegato esattamente cosa fare. Ma chi? Quando? Non riusciva a ricordare. Era stato lontano per così tanto tempo, era confuso. Per quasi un millennio era stato un fuggitivo e il suo colore era stato quasi solo quello delle tenebre.
Ma la sua natura non era questa. Doveva tornare indietro, lo sapeva, e ritrovare il punto in cui si era perduto.
Aveva lottato come una belva per uscire da quel corpo che lo teneva prigioniero, per liberarsi da quell'eterno conflitto fra le sue due personalità, per placare la tempesta...una volta per tutte.
Era caduto e si era risollevato moltissime volte, la sua anima era segnata da cicatrici indelebili, ma sapeva che la fine di tutto questo era ormai vicina.
Non restava che compiere quell'ultimo, bizzarro gesto. Così era scritto e così doveva essere.
Aveva trascinato fino a lì il suo fardello e l'aveva rinchiuso dentro la bara, abbandonandolo in mezzo al nulla, inondato dalla luce del sole. 
Aveva cosparso la cassa con la terra rossa, rigenerante, di quel luogo magico, seppellendo così, finalmente, la rabbia, il dolore, la sofferenza. 
E lì, in quel preciso istante, si era ripreso la vita.
Quelle ali nere, che avevano cercato di trascinarlo giù fra i flutti di un'esistenza sbagliata, non servivano più. 
L'angelo nero era morto, era stato sconfitto. 
La sua anima bianca era esplosa in tutto il suo splendore e lui, forte di quella bellezza, aveva deciso di riprendere il cammino, dal punto in cui l'aveva lasciato, mille anni prima.



(finale lungo: 296 parole)

Cantava ricordate?


Testo: qui

Qui tutti i post dei partecipanti.


E qui sotto le mie precedenti partecipazioni a Insieme Raccontiamo:

Insieme Raccontiamo 1 - La giostra
Insieme Raccontiamo 2 - Sopra una nuvola bianca
Insieme Raccontiamo 3 - Il sabba


Arrivederci alla prossima volta!

Questo post partecipa anche a





43 commenti:

  1. Cavolo Federica! Hai cominciato alla grande!!! Fantastica!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto Rosy? Questo mi è venuto proprio dal cuore!

      Elimina
  2. Ho fatto anch'io il due in uno :D
    Ovviamente con finale diverso.
    Bella la contrapposizione tra angelo bianco e nero. Più trasformazione di così ...
    Buon anno Fede!
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un trasformazione totale, Marina. Una metamorfosi dell'anima. Un ritorno.
      Ancora Buon Anno (ci siamo fatte gli auguri 10 volte almeno, sarà un anno strepitoso!)

      Elimina
  3. Bellissimo Squitty,
    Complimenti! Questa iniziativa di Patricia mi piace sempre di più. Si leggono un sacco di belle storie.
    Un abbraccio

    Poiana

    P.S. purtroppo ora non posso aprire il video, quindi tornerò :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valentina, l'iniziativa di Patricia è straordinaria. La trovata della musica poi, ci sta esaltando!
      Non vedo l'ora che arrivi il 20 gennaio!

      Elimina
    2. Già, si sta arricchendo sempre di più ed è sempre più intrigante *__*
      Ciao Federica (giusto?)
      Baci baci

      Poiana

      Elimina
    3. Poiana/Valentina ...qui a forza di chiamarci con i nomignoli, manco ci ricordiamo più i nostri nomi.
      Comunque, sì, Federica. Corretto.

      Elimina
    4. Eheheheh, è che in giro per i blog non sono abituata a leggere il mio nome e mi stona un po'.
      Buona domenica

      Valentina (Poiana) ;)

      Elimina
  4. Non conoscevo questa iniziativa, davvero creativa in ogni senso

    RispondiElimina
  5. Ciao Fede... non ho parole!!! Stupendo daiii!!!! Storia di lotta e di vita. La vita che vince sulla morte. Il buono sul cattivo.
    MI PIACEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!

    Finisco di lavorare per quella schiavista di Myrtilla e poi ho una mezza idea di lavorare per quelle schiav.... ehm... gentili comari di Ispirazioni ahhaahhaha
    Ciaoooooo

    ILE.... c'è posto per tutti eh... sia su myrtilla'shouse con insieme raccontiamo che su Ispirazioni. Ti asppettiamo di qua e di là...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fede.. tra parentesi ma e il Lupo??????? E' andato in ferie? Non trovo niente di nuovo sul suo blog.....

      Elimina
    2. Brava, Patri. Storia di lotta e di vita. Centrato il punto.

      Il Lupo, interpellato via Whatsup, ha scritto: "Di' alle ragazze che le bacio tutte e che sto bene ... che presto tornerò col botto"

      Ci bacia tutte ... ecco, siamo felici, ma se invece di cazzeggiare, cominciasse a scrivere sarebbe meglio!!!

      Elimina
    3. Dico io ma si fa così .... per caso Il Lupo è andato in viaggio di nozze??? ahahahah

      Elimina
    4. In viaggio di nozze???? Ahahahhaah, lui????
      Uomo senza catene ...
      (anche George diceva così comunque)

      Elimina
  6. E vai Fede!!!
    E chi ti ferma più ora?
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le Comari sono inarrestabili, Maria!

      Elimina
  7. Black Angel! Stupenda!
    Bravissima, accompagna perfettamente il tuo racconto molto suggestivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marina, "Black Angel" è arrivato quasi prima del post ... spettacolare.

      Elimina
  8. Bravissima Federica, finale da brivido!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Barby, la canzone è da brivido, sì!!!

      Elimina
  9. Veramente bello il tuo racconto... la terra rossa rigenerante della Valle rossa, anche le immagini dei due angeli sono molto belle, per il video ripasserò come Poiana, è troppo tardi per aprirlo.
    Cara Squtty ora vado proprio a letto che è tardissimo, ma domani se riesco penserò a scrivere qualcosa su #metamorfosi, nonna, nipote, casa permettendo (si vede che questo è il periodo della rottura degli elettrodomestici,oggi la lavatrice ha deciso di allagare il bagno e a nulla è servito coccolarla pulendo il filtro).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna Maria, ti aspettiamo ad Ispirazioni, le Comari sarebbero onoratissime di averti con noi!

      Terra rossa, sì. Non casuale.
      Il rosso è il colore del cuore, dell'energia vitale. E' passionalità e forza di volontà.
      Mi è parso perfetto!

      Elimina
  10. Un attimo che racchiude la fine e l'inizio. Parole ricche di simbolismi e musica perfetta! Suggestione straordinaria <3
    Bellissimo Fede!!!

    RispondiElimina
  11. Federica ho letto questo tuo racconto in un baleno ... è bellissimo ... mi ha trasmesso anche emozioni ... caspiterina mi fa venire in mente il L... qualcuno !!! sei incredibile!!! hai doti veramente grandi sopratutto nello scrivere, nell'ideare ... mi viene da dire sei sprecata nell'armadio ma non è verò ....è una fortuna per me essere capitata qui ....e vorrei rimanerci come una piccola tarma... senza far danni però ...
    brava ... poi mi riprendo evedrò che inventarmi per le mutazioni per ora le chiusure e riaperture anno sono una tragedia per me ...
    baci grandi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Interessante interpretazione la tua, Giusi.
      Tutto può essere, chissà ...

      Non lo so, se ho grandi doti nello scrivere. E non per fare la modesta, ma, davvero, non l'ho mai fatto seriamente e mai ho pensato di farlo, sono sincera. Certo è che, potendo scegliere qualcosa di grande da fare nella vita, non avrei dubbi. Uno scrittore è un mago. Per cui ecco, ho detto tutto!

      Tu, piccola tarma, sei la stella più bella di Ispirazioni, la persona, penso, più vera e genuina. Questo lo sanno tutti. Per cui, piccola tarma, nell'armadio ci sarà sempre un posto per te.

      Elimina
  12. Federica, per quanto ti abbia letta spesso, continui sempre a sorprendermi!
    Bravissima. Riesci a tenere il fiato di chi ti legge sospeso.

    (E buon 2016!

    RispondiElimina
  13. ma che bel racconto!
    la valorizzazione che hai dato all'inizio, non è per nulla banale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patalice, vieni anche tu a giocare con noi, no?
      L'appuntamento con Insieme Raccontiamo è il 20 del mese.

      Elimina
    2. Certo Patalice. Il posto c'è per tutti.
      Nessuno di noi è maestro però ci divertiamo tanto!!!!
      Confermo il 20 gennaio....ohimemè... ora mi devo spremere le meningiiiiii.....

      Elimina
  14. Mi è piaciuto moltissimo questo finale *__* E bella la musica che accompagna, azzeccata e ispirata!
    Brava brava Squitty!
    P.S.: ti ringrazio "provvisoriamente" da parte del PiGreco, che in questo periodo è impossibilitato a una piena partecipazione nel web ;)
    A presto e buonanotte ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Glò!
      Si è sentita la mancanza di PiGreco questo mese. Diglielo pure.
      Lo aspetto nell'armadio ... ahahahhahaah ... assieme all'altro "peloso" che ancora non si è visto.
      (la definizione non è mia, sia chiaro, è di PiGreco stesso!)

      Elimina
    2. "Piggi" avrà il tuo messaggio ;)

      Elimina
  15. Non so se perché io sono in astinenza, ma questo finale, cara la mia Fede, sarebbe un inizio perfetto per una bella serie tv!... Ooooohhhh si si si!...Il perfetto prologo di una stupefacente serie ambientata nel passato; con questo tizio/a che torna a riprendersi tutto; tutto ciò che gli appartiene: amori, emozioni, sentimenti, ricchezze e vita varia. Tra maghi, draghi, guerre, complotti e tante scene passionali di fuochi e fiamme, sudore e pelli di orso...

    BUUUUU NON VOGLIO ANDARE A LAVORO!!! VOGLIO CREARE LA MIA SERIE TV!!!!...

    Vita infame! Che prima dai tanto e poi togli tutto insieme: che me ne faccio adesso dell'abbonamento Sky?????...

    Va bene, mi contengo...

    Bel finale! Davvero bello, e, a parte la serie tv, con un forte significato di Rinascita che fa sempre bene allo spirito :))

    Notte!

    Regina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, Regina, facciamola questa serie tv, no?
      E chi ci ferma?
      Su forza .... attendo la storia .....

      Elimina
  16. bellissimo anche questo racconto cara Federica!!! complimentiiiiii.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Sinide, tutta colpa di Patricia che tira fuori il meglio di noi!!!

      Elimina
    2. Uff... sempre colpa mia!!!!! E solo perchè sono piccola e nera... no! sto diventando rossa prrrrrr nahahahahah

      Elimina