Le mie cose sono troppe. Quale butti giù dalla torre? Nessuna.

Ma come faccio a farle tutte? Una alla volta.

31 marzo 2015

ISPIRAZIONI & CO. - Le foglie - Angela Ladiana: eco print e un sacco di altre passioni (guest post)

Questo mese il tempo é veramente volato ed è già ora di tirare le somme. Il tema mensile, che ho proposto (qui) ha riscosso successo: molte infatti le proposte interessanti già in raccolta, buona partecipazione nella nostra community Google+ (ma, ragazze, possiamo fare anche meglio), grande entusiasmo nel gruppo Facebook.

Qui, fra le molte amiche presenti, spicca per entusiasmo, per costanza e simpatia Angela Ladiana.

01

28 marzo 2015

Legno e foglie kilim per la borsa della creatività + aggiornamento SWAP

Da molto tempo viveva nell’armadio una borsa bianca, che mi era stata regalata in un negozio di scarpe.

01

Di tela robusta e di fattura non troppo comune fra le borse del suo genere, mi era sembrata subito potenzialmente riutilizzabile. Che poi il potenzialmente si traduca in un accumuliamo materiale e stipiamo l’armadio all’inverosimile è un dettaglio.

In ogni caso la settimana scorsa si è verificata la perfetta congiunzione astrale, per cui la borsa ha potuto, dopo anni, uscire dall’armadio e avere una nuova chance.

4 marzo 2015

Decorazioni circensi con la tecnica del window color

Il periodo della mia gravidanza è stato un momento favoloso, ma favoloso proprio. Non tanto per gli ovvi motivi legati all’attesa del primo (e unico) figlio, quanto piuttosto perché è stato un momento di grandissima creatività. La cosa è stata certamente favorita dal fatto, che non ho avuto il benché minimo problema di salute, ma è anche vero che, nonostante la profusione di consigli non richiesti e dogmi dispensati gratuitamente, io ho fatto solo quello che avevo voglia di fare.

Mi dicevano che dovevo camminare e io stavo a casa a cucire; mi riempivano di noiosissime pubblicazioni a tema bambino, che io ignoravo puntualmente, e passavo il tempo in Internet a cercare idee: mi consigliavano di non affaticarmi e io recuperavo scatoloni di vecchi giochi (i miei) per ridare loro nuova vita e sistemarli poi nella camera del nascituro. Naturalmente ho evitato accuratamente ogni tipo di corso pre/durante/post parto a favore di molto più interessanti attività manuali, convinta che le donne di tutto il mondo partoriscono da millenni senza avere sottomano il manuale delle istruzioni.

Non so se fossero gli ormoni in circolo, ma ero praticamente drogata di creatività. La normalità elevata all’ennesima potenza!

Fra le tante iniziative del periodo ci fu anche l’idea di decorare l’intera parete di armadi nella camera del futuro pargolo. Quegli stessi armadi che l’anno scorso sono stati rinnovati con gli stickers fai da te, forse li ricorderete.

3 marzo 2015

ISPIRAZIONI & CO. - Le foglie 1 + SWAP - I miei quadri con le foglie

Siamo a marzo e Ispirazioni & Co. volta pagina.

Dopo Parigi  e dopo Il circo un nuovo affascinante tema per l’iniziativa delle Quattro Comari: le foglie.

Questa volta la scelta è toccata a me, perché – come avrete certamente capito e come ho avuto già modo di dirvi – l’argomento mensile viene scelto a rotazione. Barbara, Fabiola e Rosalba hanno già messo in moto le rotelline, lo so, me lo hanno detto. Mi auguro che le foglie possano ispirare anche voi!

Questo mese abbiamo un’importante novità: Ispirazioni & Co. ha organizzato uno swap. Il primo di molti? Noi ce lo auguriamo!

Che cos’è uno swap? Come molte di voi sapranno, è uno scambio di regali. Mica regali costosi e impegnativi, eh! No, no, chi vorrà partecipare, dovrà preparare con le proprie manine un pensierino da scambiare con l’amica, alla quale sarà abbinato. Un pensiero handmade, una piccola creazione ideata e realizzata da voi, un dono fatto con amore e con il cuore.

Le regole di questo swap sono poche:

- la vostra creazione dovrà essere in tema con l’argomento del mese, cioè le foglie

- chi vorrà partecipare, dovrà scriverlo nei commenti a questo post, entro e non oltre il 24 marzo 2015, giorno in cui verrà pubblicata la quarta ispirazione

- gli abbinamenti verranno effettuati il giorno successivo, cioè il 25 marzo 2015

- gli indirizzi dei partecipanti dovranno essere comunicati via mail ad una delle Quattro Comari, non importa quale

- la spedizione dei pensierini dovrà avvenire entro il 31 marzo 2015 

Vi aspettiamo numerose!

Questo mese, ve lo voglio ricordare, mio sarà l’approfondimento finale: toccherà a me scegliere il contributo più interessante del mese, o meglio quello che mi colpirà di più. Così come hanno già fatto Barbara e Fabiola, sarò io a scegliere un’idea, una realizzazione, una tecnica, un procedimento. Quindi, attenzione, vi terrò d’occhio!

Ed ecco, finalmente, dopo tutte queste chiacchiere, il banner di marzo

foglie3

Mi pare di aver detto tutto.

 

Anzi, aspettate, devo presentarvi la mia ispirazione, quasi me la stavo dimenticando.

Buffo! Io ho lanciato il tema ed io mi sono trovata  senza ispirazione. Sparita, scappata, volata via … come foglie al vento! Vi capita mai?

Diciamo che l’influenza non mi ha aiutato molto in questo mese. Diciamo anche che l’idea che avevo in testa, che mi piaceva pure tanto e che ho tentato di realizzare, si è tradotta in un manufatto raccapricciante. Una cosa che vi risparmio, ecco!

E allora finisce qui? No, di certo!

Vi presento un lavoro di tantissimo tempo fa, minimo minimo quindici anni, se non di più. Un’ispirazione nata in un periodo, in cui i fiori secchi con annessi e connessi erano un must della creatività femminile.

Anch’io, per non sottrarmi alla moda del momento, avevo riempito la casa di composizioni floreali di ogni tipo, pure belle in verità, ma anche poco adatte all’arredamento moderno di casa mia. Le facevo, le cambiavo, le smontavo del tutto. Abbinavo fiori, foglie, elementi non naturali, creando angolini floreali di ogni tipo.

Creavo anche assurdi covi di polvere, perché quel tipo di lavoro, per quanta cura poi ci fosse a posteriori, erano destinati a sporcarsi in poco tempo. Anche perché, diciamocelo, spolverare i fiori secchi è praticamente impossibile.

Inutile dire che, in un momento imprecisato, tutta quella mercanzia usata e strausata è finita, pure con una certa soddisfazione, dentro al bidone della spazzatura.

Del mio periodo foglioso/floreale è rimasta un’unica testimonianza, alla quale sono particolarmente affezionata: i miei quadri con le foglie.

Vista l’epoca della loro realizzazione, non ho foto, che possano spiegare le varie fasi della lavorazione, tuttavia mi ricordo bene i vari passaggi.

Avevo preparato tre cartoncini chiari di circa 23x30 cm sul tipo di quelli qui sotto (fonte).

a

Su di essi avevo incollato, coprendo l’intera superficie e creando un fondo uniforme, delle foglie di pannocchia fatte precedentemente seccare (fonte).

b

Il risultato ottenuto è questo. Le foglie, attaccate con colla vinilica, erano state posizionate senza seguire una direzione precisa, ma creando una specie di reticolo.

04

Su questo fondo chiaro, poi, avevo attaccato tutta una serie di foglie (e qualche fiore) raccolte in una delle molte passeggiate, che si facevano a quei tempi. Il tutto preventivamente fatto seccare.

01

02

03

Naturalmente poi, soddisfatta del risultato, ho fatto incorniciare le mie composizioni, scegliendo un cornice economica molto simile a questa (fonte).

c

Per molti anni i quadri così ottenuti, sono rimasti appesi un po’ qui e un po’ lì, ma solo tre/quattro anni fa hanno trovato la loro collocazione definitiva e un nuovo più elegante look.

Il restyling dei quadri è stato un po’ una follia, ma di quelle follie, che portano gioia e soddisfazione. Sicura di non volermi separare dai miei quadri, convinta di voler dare loro una nuova chance – in quel momento post imbiancatura era scattata la scintilla dell’epurazione – soprattutto affezionata alle mie creature, avevo deciso di portarli dal mio fidato omino delle cornici.

L’omino delle cornici lavora poco lontano da casa mia ed è considerato un vero artista. In effetti lo è. Quasi tutti i quadri di casa mia sono stati incorniciati da lui: io mi limito a consegnare, a dare due indicazioni di massima relativa alla collocazione del futuro quadro, e gli do carta bianca.

L’ho fatto pure quella volta, ben sapendo che qualsiasi sua opera avrebbe superato, e di molto, il valore degli stessi quadri. Che pregio possono mai avere dei quadri handmade fatti con fiori e foglie?

L’omino scelse un passepartout molto raffinato e una cornice dipinta a mano, che mi sono  costati un capitale.

05

Eppure, a distanza di qualche anno, non ho mai rimpianto quella spesa.

Questi sono i miei quadri

06

07

08

che campeggiano sulla parete recentemente dipinta di grigio della mia sala, situati fra il vecchio armadio e il mio angolo studio.

La foto qui sotto non è delle migliori, ma le molte velux sul tetto creano riflessi impossibili da togliere a chi, come me, non è un fotografo provetto.

09

 

L’appuntamento con Ispirazioni&Co. è per martedì prossimo, quando ci ritroveremo a casa di Rosalba.

E adesso tocca a voi: largo alle ispirazioni fogliose! Senza dimenticare, però, che la raccolta di ispirazioni circensi non è ancora finita.

 

Squitty dentro l'armadio

 

I POST DELLE COMARI

Le foglie 1 - I miei quadri con le foglie - Federica

Le foglie 2 - Gatti tra le foglie. Una sporta per la spesa - Rosalba

Le foglie 3 - Trifoglio segnalibro - Barbara

Le foglie 4 - Kokedama outfit - Fabiola

Approfondimento - Angela Ladiana: eco print e un sacco di altre passioni - Federica