Le mie cose sono troppe. Quale butti giù dalla torre? Nessuna.

Ma come faccio a farle tutte? Una alla volta.

17 aprile 2014

UN TÈ DENTRO L’ARMADIO (14/2014) - La diga del Vajont

C’è un luogo, dove un tempo la vita scorreva, forse lentamente, con i ritmi tipici delle zone di montagna, ma andava avanti, giorno dopo giorno, mese dopo mese, anno dopo anno.

C’è un luogo, dove la gente viveva la sua vita in pace e serenità.

C’è un luogo, dove il silenzio era quello della natura incontaminata.

C’è un luogo, in cui il tempo si è improvvisamente fermato, in cui la vita è stata spazzata via, in cui il silenzio è solo quello della morte.

C’è un luogo, in cui il lago non è un posto ameno, in cui passare una bella giornata di sole.

01 copyright

C’è un luogo, in cui i pendii non sono ricoperti di vegetazione lussureggiante.

02 copyright

C’è un luogo, dove il vuoto dà vita ad un altro vuoto. Quello dentro il cuore.

03 copyright

C’è un luogo, dove l’uomo ha sfidato la natura.

04 copyright

05 copyright

C’è un luogo, dove rimangono solamente rovine.

06 copyright

C’è un luogo, dove la natura si è ribellata, correndo per riprendersi quello che era suo.

07 copyright

C’è un luogo, dove le case sono state spazzate via o, se hanno resistito, conservano ancora i segni di un passato, che non esiste più.

08 copyright

C’è un luogo, dove le bandierine colorate non ricordano una festa.

09 copyright

C’è un luogo, dove i bambini tornano angeli. E ci sono angeli, che non sono mai divenuti bambini.

10 copyright

C’è un luogo, dove nessuno ha pagato.

11 copyright

 

Qui trovate tutte le informazioni relative a Un tè dentro l’armadio.

 

Abbiamo parlato di:

CUCITO con

RICAMO con

MAGLIA con

DECORAZIONI con

Accidentaccio - Idee per Pasqua: uova di gallina decorate

Africreativa - Addobbo porta primaverile con papaveri realizzati con riciclo contenitori delle uova (con tutorial)

GIARDINAGGIO con

CUCINA con

LIBRI con

FOTOGRAFIA con

IDEE CASA con

VIAGGI con

NATALE con

IDEE RANDOM con

 

 

AGGIORNAMENTO DEL 18.01.2016

Questo post partecipa anche a

01

01

26 commenti:

  1. Ecco perché non si deve dimenticare,,,e si deve ricordare. Dopo questo post è difficile pensare al thé...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ritengo che ricordare, questa o altre disgrazie simili, sia un nostro dovere.

      Elimina
  2. Noi è tanto che vorremo andare a visitare, ma per noi non è proprio di mano! Prima o poi pianificheremo una vacanza estiva da quelle parti.
    Intanto partecipo a questo tè con le uova decorate e ti auguro di trascorrere una buona Pasqua! http://wp.me/p471Ux-4m

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona Pasqua, Barbara .... nella tua nuova casa!!!
      Corro a vedermi le uova decorate.

      Elimina
  3. Mia mamma ha perso un'amica lì e me ne ha sempre parlato.
    Una tragedia che si poteva evitare!
    Per fortuna anche a scuola ne parlano ancora.
    Sarà la meta della gita di mia figlia maggiore.
    Grazie per questo post che ci aiuta a non dimenticare!
    Un abbraccio e il mio contributo per il nostro tè (senza virgolette questa volta!) Maria
    http://portugalli.blogspot.it/2014/04/addobbo-porta-primaverile-con-papaveri.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si poteva evitare, come molte altre tragedie.
      La guida l'ha spiegato chiaramente: una volta costruita la diga con un grande dispendio di energie e, soprattutto, di denaro non era conveniente chiudere baracca e burattini!
      La visita è davvero molto interessante. Noi abbiamo fatto un giro di due ore - che per il Pripi erano più che sufficienti - ma organizzano anche giri più lunghi (tre ore/una giornata intera).
      Brava, Maria, questo è davvero il NOSTRO TÈ SENZA VIRGOLETTE!
      Vado a vedere il tuo addobbo!

      Elimina
  4. molto suggestive le fotografie. Ho visitato il Vayont parecchi anni fa. Consiglio vivamente anche il libro di Paolini da cui poi ha ricavato quel famoso monologo teatrale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefania, non sapevo ci fosse pure il libro!

      Elimina
  5. Una tragedia terribile. Speriamo che il ricordo ci eviti altri disastri simili...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne dubito. È nella natura umana dimenticare in fretta e non imparare dal passato!

      Elimina
  6. Ricordare è giusto, purtoppo io credo che chi potrebbe e dovrebbe evitare di far accadere questi disastri abbia la memoria corta....
    Che tristezza...per tutte quelle vite spezzare a cui nessuno potra mai rendere giustizia. RABBIA!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rabbia, certo!
      Ma rabbia anche perché, al di là della catastrofe, la diga è un'opera grandiosa. All'epoca era la più alta del mondo e tutt'ora rimane fra le più alte. L'hanno costruita in un tempo brevissimo - due o tre anni - a dimostrazione che il popolo italico, quando vuole, ottiene risultati di altissimo livello!!! Ha resistito ad un evento così catastrofico, perché di fatto è stata costruita in maniera egregia!
      DOPPIA RABBIA!

      Elimina
  7. ciao Federica! Scusa se non sono sono ancora venuta a prendere un tè, nonostante te lo avessi detto ... prossimamente verrò certamente!
    Intanto ti dico che ho accompagnato una mia classe qualche anno fa e la guida è stata molto esauriente: l'unico neo che ho rilevato è che -pur nella tragicità e colpevolezza- credo sia necessario che quei luoghi -gli abitanti- ritrovino la forza di guardare al futuro con fiducia.
    Ricordare assolutamente sì, piangersi addosso assolutamente no!!!
    Bacioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho la sensazione che, a distanza di così tanti anni, di fiducia ne abbiano pochina ... del resto visti i risarcimenti che ci sono stati, il fatto che chi doveva pagare non ha pagato ... beh, mi fa tanto presa per il culo ...

      Elimina
  8. Tanto bello tanto amaro e triste il tuo post.
    Grazie per averci fatto ricordare .
    Lieta Pasqua

    RispondiElimina
  9. l'ho riconosciuta subito la diga. io ci sono già stata un po' di volte e ogni volta che ci vado mi fa venire i brividi quel posto!
    ciao
    Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti do il benvenuto nell'armadio, Mariangela, anche se in ritardo pazzesco!

      Elimina
  10. La vidi da piccola, la diga e mi rimase impressa per anni.
    E vedere quella diga perfetta, in piedi, fa ancora più impressione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, anche perché in giro non c'è rimasto nulla. Persino la vegetazione cresciuta sopra i detriti portati già pare senza vita.

      Elimina
  11. Io non posso dimenticare quel posto.
    Dalla prima volta che ci sono stata, con i ragazzi della comunità dove lavoro, mi sono messa a studiare, a cercare di capire... e almeno ogni due anni ci torno, quasi un omaggio a quelle vittime dell'egoismo e dell'assurdità umana... con i miei figli, perché possano vedere con i loro occhi che la Natura è grande e l'Uomo deve rispettarla, sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non la rispetta mai, salvo poi chiedersi .... si poteva evitare?

      Elimina
  12. Episodio drammatico, da non dimenticare. Toccanti le bandierine :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Anna Maria. Le bandierine sono una botta al cuore.
      Hanno colpito persino mio figlio, che, quando ci siamo andati, aveva sei anni.
      Immagina l'effetto che hanno fatto a me.

      Elimina