Le mie cose sono troppe. Quale butti giù dalla torre? Nessuna.

Ma come faccio a farle tutte? Una alla volta.

16 gennaio 2014

UN TÈ DENTRO L’ARMADIO (02/2014) - Il Museo del Giocattolo e del Bambino di Santo Stefano Lodigiano

Avrò piacere di conoscerla personalmente. Paolo Franzini.

Ecco, una risposta così, letta di corsa fra una valigia e l'altra, non poteva che mettermi di buon umore. Sì, perché – scusate - quante mail si mandano per chiedere informazioni (ad uffici, a negozi, a privati, a musei come in questo caso) e quante volte si ricevono risposte così garbate, così d’altri tempi?

Con questo non voglio certo dire che, in genere, non ti vengano fornite le informazioni  richieste, per carità, e neppure che chi scrive sia maleducato,  è semplicemente che a nessuno, al giorno d’oggi, verrebbe in mente di andare oltre le due righe sintetiche o di fare accenni così personali.

Il contatto umano insomma! Che poi lo scrivente fosse - l'ho scoperto dopo - la gentile signora Luisa é poco importante in fondo, non trovate? Sì, perché il signor Paolo di dimestichezza con il pc ne ha poca, anche questo ovviamente l'ho saputo poi. Ma che l'abbia scritto lui o lei, il concetto di base non cambia: tu visitatore che arrivi da lontano non sei solo un numero, sei una persona. E noi ti aspettiamo.

Infatti stava passeggiando proprio fuori dal cancello della vecchia stazione di posta il signor Paolo, quando siamo arrivati, e pareva un signore qualunque nel giardino di casa sua. Di sicuro aveva appena aperto, perché alle 14.35 precise avevamo lasciato il camper nel piazzale del piccolo borgo padano per raggiungere l'entrata del museo.

entrata-copyright_thumb3

Ma a chi viene in mente di creare un museo proprio qui, davvero in mezzo al nulla? Io questo Santo Stefano Lodigiano non sapevo neppure esistesse, almeno fino all'anno scorso quando, cercando nel web, mi sono imbattuta in questo misterioso Museo del Giocattolo e del Bambino. Una visita più volte rimandata questa, ma ben in evidenza nella nostra lista delle gite da fare. 

Il Pripi era super eccitato, si capisce, il solo fatto di aver viaggiato davanti con il suo papà l'aveva tutto ringalluzzito, tanto che non aveva smesso un minuto di parlare (vabbè, mica mi è venuto perfetto, l'interruttore me lo sono dimenticato). Le aspettative, dunque, erano altissime. Eravamo finalmente qui, belli carichi, pronti ad immergerci in un mondo magico!

Sulla riva del Po
in un'antica stazione di posta
per il cambio dei cavalli, il Museo
dispone di uno spazio con porticato
ed un ampio giardino recintato
per pranzo al sacco "e conversazione"

così recita la presentazione al Museo sul sito ufficiale.  L’ambientazione è meravigliosa, davvero, ma solo per chi come me ama le atmosfere di un tempo, per chi sa cogliere in un edificio la bellezza del vissuto, la sua storia.

stazione-di-posta-copyright_thumb2

Io quando vedo posti così non riesco a non pensare a come fosse la vita nei tempi andati. Chissà quanto movimento c’era allora: cavalli, bagagli, facchini, signore con il parasole e gentiluomini con la marsina.

Eppure in quel momento c'era così silenzio, eravamo solo noi.

Buongiorno, siamo qui per la visita, abbiamo scritto… Ah siete i signori di Trento… Sì siamo noi, quelli con il camper … Ma lo sapete che ero camperista anch’io?

Dovete capire che il camperista medio, quando trova un altro suo simile instaura subito un filo diretto, perché la passione comune te lo rende simpatico all'istante. Per quel che mi riguarda, poi, il camperista o il campeggiatore di vecchio stampo hanno una marcia in più. Difficile spiegarlo ai non addetti, mi  rendo conto.

Detto questo capirete che la visita prometteva bene e c’erano già i presupposti per una giornata speciale.

Prego, entrate pure … E, in un attimo, come per magia, ci siamo ritrovati dentro un ambiente dal sapore antico, non eccessivamente grande, con vetrine in legno che paiono vecchissime, ma che pur rispettano i canoni di sicurezza, come ci viene precisato... perché qui vengono molti bambini.

03_thumb2

Ma ci credo che vengono tanti bambini, anzi sono solo bambini quelli che entrano qui, perché anche noi adulti qui torniamo all’infanzia, immergendoci totalmente in una visita che non vorremmo finire mai.

Una fotografia, che è una vera, acutissima provocazione, ci aspetta all’ingresso proprio vicino alla porta: un bambino in bagno che fa, comodamente seduto, i suoi bisogni oppure – questo non è chiaro – con la scusa dei suoi bisogni, se ne sta seduto comodamente a fare giochini con l’Ipod o qualche altro aggeggio moderno. In questo mondo di giocattoli antichi la fotografia potrebbe apparire fuori luogo. Tutt’altro: i bambini hanno sempre giocato, giocano oggi e giocheranno domani, in modo diverso sicuramente, ma pur sempre di gioco si tratta.

Il signor Paolo, pur essendo una persona di una certa età, comprende benissimo che i tempi sono molto cambiati, rispetto a quando si giocava con i giochi del suo museo e la cosa che mi ha colpito di più è che non ho mai percepito nei suoi discorsi nostalgia per i tempi passati (cosa che in genere avviene, parlando con gli anziani, no?). Ho trovato davvero molto sensate le sue osservazioni e molto obbiettive. E questo fin da subito.

Neppure il tempo di entrare e la signora Luisa, arrivata in un istante, ci ha offerto il caffè. Io sono rimasta a dir poco sorpresa di questo, ma vi è mai capitata un cosa del genere? Io che, normalmente, mi faccio mille scrupoli in simili circostanze, lo ammetto, mi sono buttata a pesce. Era come essere fra amici, capite? E’ stata così automatica la mia risposta che persino mio marito mi ha guardata con sguardo interrogativo. Io mi sono sentita a casa, ecco!

E’ moltissimo che medito su questo post, la visita ci è piaciuta tantissimoooooooo (ma con tante o!) e io, vi giuro, ancora non so quasi come presentarvi questo piccolo tesoro della nostra Italia. Ho fatto talmente tante foto (e ci ho messo un tempo biblico a selezionarle e sistemarle), ho imparato veramente tante cose, mi sono così immersa in questo mondo del giocattolo che vorrei scrivere un articolo assolutamente perfetto.

Però, mi rendo conto, per farlo, dovrei scrivere tre giorni e io preferisco qui farvi incuriosire a tal punto che vi venga voglia di andare personalmente a visitare questo museo e a conoscere di persona il signor Paolo e la signora Luisa.

Siete pronti allora?

Immaginate bambini scorrazzanti nei cortili …

bambini-scorazzanti-copyright_thumb2

… e bambine che giocano a fare la mamma …

05_thumb2

… immaginate abiti antichi …

06_thumb2

… e piccole, magiche stanze …

07_thumb2

… pensate a giochi noti …

08_thumb2

… e a giochi che, forse, non vuole fare più nessuno …

27_thumb2

… lasciatevi affascinare da oggetti che raccontano una storia …

09_thumb3

… divertitevi a riconoscere paesaggi familiari …

10_thumb2

… e pensate un momento anche a scenari che a noi, per fortuna, sono sconosciuti …

11._thumb2

… mettetevi in fila ordinatamente …

12_thumb2

… ché è ora di andare a scuola …

13_thumb2

… se vi comporterete bene, potrete fare un salto al cinema …

14_thumb2

… oppure al circo …

15_thumb2

… a teatro …

16_thumb2

… oppure correre a vedere i carri di Carnevale …

17_thumb2

… e c’è pure la musica, che meraviglia …

musica-copyright_thumb2

… se il tempo lo permette, potreste fare un salto al mare …

18_thumb2

… ma anche se piovesse,  che importerebbe? I giochi qui non mancano. Ce ne sono per tutte le esigenze: per chi vuole viaggiare …

20_thumb2

21_thumb5

… o costruire …

21_thumb2

… magari fare la spesa al mercato e comprare dei fiori profumati …

22_thumb2

… forse cucinare un po’ o mangiare caldarroste, aspettando che si liberi il tiro al bersaglio …

24_thumb2

… anche fare la guerra …

soldatini-copyright_thumb2

… o coccolare l’amico del cuore …

orsetti-copyright_thumb3

SVEGLIAAAAAA!

Suvvia ridestatevi, cari lettori, io di più non vi posso dire. No, non è esatto, non vi voglio dire. Allora, che dite, lo fate un salto al Museo del  Giocattolo e del Bambino?

C’è un amico che vi aspetta.

pp-copyright_thumb2

Lo vedete, carissimi Paolo e Luisa, che non dimentico le promesse? Se siete arrivati qui, dentro l’armadio, vi renderete conto che ho sempre tante (troppe) cose da fare. Ma ogni promessa è debito, no? E prima o poi arrivo a fare tutto. Doveva essere una sorpresa per Natale, ve l’ho scritto, ma il Natale è andato un po’ così quest’anno, mi auguro che vi faccia piacere ugualmente.

Esattamente come per noi tutti è stato un grandissimo piacere conoscervi!

Se volete saperne di più: http://www.museodelgiocattolo.it/

Se, invece, volete sapere che cosa è rimasto al Pripi di questa visita al museo e come l’ha elaborata, giocando, non vi resta che tornare nell’armadio a scoprirlo.

E voi che cosa mi raccontate oggi per questo secondo nostro appuntamento? Inserite i vostri link nei commenti.

Vi aspetto giovedì prossimo!

 

Qui trovate tutte le informazioni relative a Un tè dentro l’armadio.

 

Abbiamo parlato di:

CUCITO con

RICAMO con

MAGLIA con

DECORAZIONI con

GIARDINAGGIO con

CUCINA con

Carta e Cuci - Il Ciambellone di Achille - Dal Manuale di Nonna Papera

LIBRI con

FOTOGRAFIA con

IDEE CASA con

VIAGGI con

NATALE con

IDEE RANDOM con

Mamma Orsa Curiosona - Giocattoli 2.0

 

(questo post è ospitato su Share your link #50)

(questo post partecipa a Il Cocco della Blogger #febbraio 2014)

 

AGGIORNAMENTO DEL 17.01.2014

mail

 

AGGIORNAMENTO DEL 05.04.2016

Questo post partecipa a

01

01

27 commenti:

  1. Wow che tuffo nel passato! Bellissimo questo posto! Siamo sincronizzate oggi... controlla il mio post... vorrei partecipare nella sezione idee random, posso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci devi andare con il camper, c'è un comodissimo parcheggio per sostare!
      No, non controllo. Mi fido! Leggerò solo a link inserito!
      Invece, a proposito di link, hai visto che casino ho fatto con il primo appuntamento? Un mito, no? Leggiti l'avviso!

      Elimina
    2. ahaha...ho letto solo ora!!! allora... ti lascio il mio link per la categoria idee random "Giocattoli 2.0"
      http://mammaorsacuriosona.blogspot.it/2014/01/giocattoli-20.html

      Elimina
    3. Ma mi hai letto nel pensiero? Sembra quasi che il tuo post sia il rovescio della medaglia del mio oppure il mio il rovescio della medaglia del tuo. Lo inserisco subito.

      Elimina
  2. Non sono mai stata al Museo del Giocattolo a Santo Stefano Lodigiano (pur abitando vicinissima!), ma se ti piace lo stile di "altri tempi" ti consiglio vivamente (se non l'hai già visto) il Presepe dei Sabbioni a Crema! E' veramente bellissimo! Più che un presepe è un piccolo villaggio della tradizione contadina di inizio '900. :-) www.sabbioni.org

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta. Interessante suggerimento il tuo, grazie. Non sono mai stata a Crema e non ho mai neppure sentito parlare di questo presepe. Ho visto il sito, pare davvero molto bello. Metto in lista.

      Elimina
  3. lo so lo so che oggi è domenica..
    purtroppo ce l'ho fatta solo ora ad arrivare con il mio link!
    http://cartaecuci.blogspot.it/2014/01/il-ciambellone-di-achille-dal-manuale.html

    Ovviamente mi butto sulla cucina. Sto provando (e assaggiando) tutti i dolci tratti dal mitico manuale di Nonna Papera!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È ben vero che i regolamenti sono i regolamenti, ma è anche vero che, in questo caso possiamo fare una deroga. Perché? Semplicemente perché i partecipanti al tè di giovedì scorso non sono stati molti e non credo che Stefania, unica altra partecipante, abbia nulla in contrario. Ti dirò di più. Avevo già pensato di modificare il regolamento, perché mi sono resa conto che la storia dei tre giorni è un po' assurda: in fondo non siamo mica a scuola, no? Diciamo che mi sono ispirata ad altre iniziative che ci sono in giro, ma senza particolare convinzione. Le modifiche saranno rese pubbliche in tempi brevissimi!

      Elimina
    2. ^_^
      Sono in pausa pranzo ed ho avuto finalmente modo di leggere per intero tutto questo interessante post ed ammirare le foto che hai scattato!
      Grazie.
      Spero di riuscire ad ammirare tutto dal vero quanto prima!

      Elimina
    3. Ne vale assolutamente la pena!

      Elimina
  4. Ri ciao Squitty!
    Grazie del reportage, sono sicura che anche ai miei Minions piacerebbe un sacco. Lo aggiungo alla lista dei musei da visitare, non appena avremo un weekend senza febbre :-)
    Alla prossima!

    RispondiElimina
  5. wow che posto bellissimo! in viaggio di nozze siamo capitati in un posto simile in danimarca, ma questo mi sembra più bello!! grazie della segnalazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è anche una sede a Milano. Non vedo l'ora di andarci!

      Elimina
  6. Mi pare davvero molto interessante. Spero di riuscire a organizzare una visita, io non abito lì vicino, perché è un ambito che suscita interessi mai sopiti... E di certo il tuo reportage invoglia a organizzare subito una giocattolata!

    RispondiElimina
  7. Ma che meraviglia...grazie Squitty. ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' veramente spettacolare, Angela.
      Da non perdere.

      Elimina
  8. ma pensa un po': abito nella "bassa lodigiana" (come la chiamiamo noi) e neppure conoscevo l'esistenza di questo posto da fiaba...
    è proprio vero che tendiamo a guardar lontano e non vediamo le meraviglie che ci sono vicine!
    grazie Federica!
    lori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora, Lori, devi proprio rimediare e andarci!

      Elimina
  9. HAi scritto che è comodo da raggiungere anche in camper, me lo segno! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, c'era un ampio e comodo parcheggio proprio nel paese. Non ricordo se si potesse stare a dormire però, perché noi siamo andati da un'altra parte.

      Elimina
  10. Ciao, mi sono immersa in queste bellissime foto! Un reportage attento e coinvolgente che riporta al passato con le indicazioni del presente. Tantissimi complimenti per questo bel post <3
    Maris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così, Maris, il passato che diventa attuale.
      Un luogo davvero speciale.
      Per grandi e piccini.

      Elimina
  11. Quanto è bello questo museo, ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Robby è bellissimo. Se ne hai la possibilità, facci un giretto.

      Elimina