Le mie cose sono troppe. Quale butti giù dalla torre? Nessuna.

Ma come faccio a farle tutte? Una alla volta.

5 dicembre 2013

Il mio Calendario dell’Avvento

08. copyright

La realizzazione di questo Calendario dell’Avvento risale ad almeno quindici anni fa, ad un periodo in cui il mio hobby preferito, per non dire l’unico, era il ricamo a punto croce.

Ci sono talmente affezionata, che non ho mai pensato di sostituirlo e proprio perché lo usiamo ancora con gioia, divertendoci a spostare il bottoncino rosso da un giorno all’altro, non avevo mai, fino a quest’anno, preso in considerazione l’idea di crearne uno apposito per il Pripi, uno di quelli che ai bambini piacciono tanto, con le finestrelle che si aprono e che contengono tante piccole sorprese.

Questo calendario è anche il responsabile della nascita della nostra, ormai consolidata, abitudine di fare l’albero e di addobbare la casa il 1° dicembre.

In quegli anni trovare schemi a punto croce, non era facile come oggi, soprattutto perché Internet non esisteva, o almeno non era conosciuto e diffuso nelle case come lo è adesso. Esistevano certo le riviste, le enciclopedie, i manuali, ma non era poi così scontato reperire in tempi brevi quello che serviva. Proprio per questo motivo questo mio ricamo natalizio mi risulta prezioso: penso di aver perso più tempo a trovare e inventare gli schemi che a ricamarlo.

Ricordo di  aver avuto sottomano quella striscia di tela Aida e di aver pensato che avesse le dimensioni giuste per realizzarlo. Non mi preoccupai minimamente di cercare prima i motivi adatti. E questo fu un grande errore.

Dopo aver creato con il filo rosso una griglia di 24 caselle (6 file da 4) più 1 rettangolo nella parte inferiore corrispondente al giorno di Natale, fui pronta a ricamare. Ma ricamare cosa?

Anzitutto il numero del giorno e questo, tutto sommato, fu relativamente facile, perché avevo un libricino con schemi di lettere e numeri che fu veramente utile. Decisi di farli dello stesso colore (rossi come la cornice), ma completamente diversi fra loro per dimensione e per stile.

A quel punto bisognava trovare i motivi natalizi adeguati: lo spazio a disposizione si era ulteriormente ridotto, le pubblicazioni a mia disposizione non erano poi così tante e non avevo la minima intenzione di acquistarne altre, perché probabilmente per trovare 24 disegni natalizi della dimensione giusta, avrebbe significato comprarne una montagna. Cominciò così la ricerca.

Mi resi conto subito che non sarei mai arrivata ad averne un numero sufficiente e decisi quindi di integrare con la scritta Buon Natale frammentata e sparsa in tutto il quadro. Usai un filo dorato (scomodissimo) e uno di un bel verde scuro.

01. copyright

02. copyright

A quel punto rimasero solo dieci caselle da riempire, ma non fu comunque facile, perché lo spazio scarso mi costrinse ad inventare letteralmente molti dei motivi.

03. copyright

04. copyright

05. copyright

06. copyright

Il disegno finale fu quello di più facile realizzazione, perché il riquadro era decisamente più grande.

07. copyright

Restava da risolvere un ultimo problema: inventare qualcosa che permettesse di evidenziare il giorno. Pensai subito ad un bottone, ma attaccato come?

Da una striscia di velcro con l’adesivo (parte asola) ritagliai 25 minuscoli quadrati che poi attaccai (e fissai a mano) nei vari riquadri. Ricordo che non fu una passeggiata, primo per la rigidità del velcro (i quadratini dovevano essere tutti uguali e non riuscivo a tagliarli così), poi per la presenza della colla (che si appiccicava sulle lame della forbice), infine perché cucirli a mano mi rovinò le mani. Li misi in evidenza con il punto scritto.

11. copyright

Preparai infine il bottoncino, attaccando un quadratino ritagliato dalla parte uncino.

10. copyright

E questo fu il risultato finale.

09. copyright

 

Con questo post partecipo con estremo piacere alla splendida iniziativa di Daniela (Decoriciclo) e di Maria (Africreativa)

natale da vivere 2014

 

8 commenti:

  1. Adoro le decorazioni che hanno una storia e restano con noi a raccontare della nostra vita. Bellissimo Squitty, davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio molto! In effetti ci sono molto affezionata, così come sono affezionata a tutte le montagne di decorazioni che ho fatto in questi anni. Ogni volta che riapro gli scatoloni, giuro, mi commuovo!!! Ci sono dentro ore e ore di lavoro. Dicevo l'altro giorno a mio marito che non avrei problemi a separarmi da oggetti di altro tipo che ho in casa, anche più preziosi, ma non mi separerei mai dai miei lavori. Però è anche vero che, in certi anni - non ora perché non ne ho più il tempo - ho fatto tante cose da regalare. Ma, ovviamente, un esemplare lo tenevo sempre per me!!!

      Elimina
  2. Adoro il Natale e adoro il punto croce..... connubbio perfetto per questo lavoro, che è a dir poco bellissimo!!!! Brava!!! Complimenti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti ci sono parecchio affezionata. Tu ricami, dunque capisci perfettamente come nasce l'amore per i propri lavori!

      Elimina
  3. Grazie Federica per la condivisione.
    Ti ho letta con il fiato sospeso (cosa si inventerà? Come farà a riempire le caselle?).
    Sei stata bravissima e con molta inventiva!
    Ne valeva la pena, dai!
    E ora non cambiarlo che è splendido!
    Grazie per aver partecipato alla nostra iniziativa di Natale1
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non lo cambio di certo!
      E' una di quelle cose che fanno ormai parte del nostro Natale!
      Grazie a voi per averla organizzata!

      Elimina
  4. Un capolavoro di fantasia, progettazione e precisione.
    Troppo bello!
    Cucire il velcro adesivo è una tortura, sei stata bravissima a non mollare.... se l'avessi realizzato qualche anno più tardi, quando sono venute di moda le calamite per le tende, avresti potuto prendere spunto e usare due magnetini, uno sul bottone e uno dietro il pannello.
    Complimenti per il lavorone. =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Daniela.
      Ricordo di aver recuperato quella striscia di tela Aida da un qualche altro lavoro ed ho veramente improvvisato, partendo dalla griglia dei 24+1 riquadri.
      Non sapevo manco cosa fossero i magnetini, quando l'ho realizzato (il che ti dà l'idea di quanto tempo è passato!).

      Elimina