Le mie cose sono troppe. Quale butti giù dalla torre? Nessuna.

Ma come faccio a farle tutte? Una alla volta.

23 novembre 2013

APPUNTI DI CUCITO - Bagnare il tessuto

01Tutti i tessuti vanno bagnati tranne le fibre sintetiche al 100% (ad esempio le fodere).
 
Tessuti di lana o misti
 
Prendete un panno di cotone bagnato e ben strizzato e poggiatelo sopra il tessuto. Arrotolate, poi, i due tessuti assieme. Il rotolo che ne risulterà verrà sottoposto alla pressione di un oggetto pesante, affinché possa penetrare bene l’umidità. Dopo quattro o cinque ore il rotolo potrà essere disfatto e messo ad asciugare all’ombra. Prima che la stoffa si secchi troppo, stirare sul rovescio.
 
Se non si ha il tempo di seguire tutto questo procedimento, si può svaporare abbondantemente il tessuto con il ferro a vapore. (1)
 
I tessuti misti con fibre sintetiche devono essere stirati con il ferro non molto caldo.
 
(1) io ho sempre usato questo metodo, soprattutto per una questione di spazio
 
 
Tessuti di cotone, lino, canapa
 
Il cotone, il lino e la canapa si immergono nell’acqua fino a completo ammollo. Si levano senza strizzare e si mettono ad asciugare all’ombra. Si stirano con la stoffa ben umida.
 
Possono essere bagnati anche in lavatrice alla temperatura a cui saranno lavati anche in seguito. (2)
 
(2) sempre per una questione di spazio mi pare che l’uso della lavatrice sia più pratico.
 
 
Tessuti di seta
 
La seta non va bagnata, ad eccezione della seta cruda che va trattata come la lana.
 
 
Velluti
 
I velluti di cotone o di lana si arrotolano anch’essi con il telo bagnato. I velluti di seta non si bagnano.
 
N.B. Si bagnano anche i rinforzi in cotone (non quelli in lana) (3); i rinforzi adesivi non vanno messi in lavatrice, perderebbero la colla.
 
(3) ricordarsi, mi raccomando, ve lo immaginate un rinforzo che cala all’interno dell’indumento?

Nessun commento:

Posta un commento