Le mie cose sono troppe. Quale butti giù dalla torre? Nessuna.

Ma come faccio a farle tutte? Una alla volta.

29 luglio 2013

Un lenzuolo per tenda

01. ON LINE ©Era, più o meno, tempo di Carnevale, ma non avrei mai pensato di travestire un lenzuolo da tenda e, tanto meno, di appenderlo in lavanderia. Appendere cose in quel piccolo locale dal pavimento giallo non è esattamente come attaccare palloncini per una festa di compleanno. E' piuttosto alimentare la torre di panni da stirare. Soddisfazione pari a zero. Invece è stato molto gratificante portare a termine il lavoro in tempi brevissimi, specie per gli standard degli ultimi anni.

Mentre aspettavo che si scaldasse il ferro da stiro - fa coppia fissa con la macchina da cucire - ho studiato bene la stoffa ed ho subito chiarito a me stessa che, visto il poco tempo a disposizione, non valeva proprio la pena di stressarsi troppo per ritagliare un rettangolo pulito, cioè privo di cuciture. Caspita, c’erano già, sfruttiamole. Così ho semplicemente ripiegato il bordo superiore del lenzuolo, leggermente lavorato, su sé stesso. L'operazione è stata rapidissima, perché non ho fatto altro che seguire la cucitura esistente. Qualche spillo e via, sotto la macchina.

02. ON LINE ©

Fortunatamente ho trovato, in una delle mie scatole, un'abbondante scorta di fettuccia da tende, avanzo di un lungo ed estenuante lavoro precedente, di cui magari un giorno vi parlerò. Accanto a numerosi pezzi di lunghezza insufficiente, ve ne era uno lunghissimo trasparente. Forse quello bianco sarebbe andato meglio? Non l'avrei scelto così, se l'avessi dovuto comprare, però era lì, pronto e pure della misura giusta. Non si vedeva e svolgeva la sua funzione allo stesso modo.

03. ON LINE ©

La larghezza del lenzuolo era circa il doppio rispetto a quella del vano da chiudere, quindi ho deciso di non tagliare neppure un centimetro sui lati, come avevo pensato inizialmente, ma di creare una serie di pieghe, cosa che ha reso la tenda molto più gradevole da un punto di vista estetico. Dividendo per 10 si sono create spaziature regolari e pieghe perfettamente proporzionate (5+5 cm), il che mi ha fatto arrivare al traguardo finale senza avere alcun centimetro in più. Ho fissato il tutto con tre cuciture parallele.

04. ON LINE ©

A quel punto la tenda doveva essere appesa per consentirmi di prendere bene la misura dell'orlo. Non mi fido mai delle misure prese all'inizio, ricontrollo anche più volte prima di tagliare. Mi è successo raramente, ma è brutto rovinare una stoffa per la fretta di terminare.

05. ON LINE ©

I passaggi finali sono stati, a quel punto, davvero immediati. Nell'ordine: sganciamento dalla corsia appena installata, misurazione per stoffe di grandi dimensioni (il pavimento del salotto è perfetto), taglio (ho ricavato una striscia di stoffa utile per un'altra creazione, c'è l'ho già in mente), una bella fila di spilli e cucitura finale. Un normale orletto rapido, rapido. Semplice, no?

06. ON LINE ©

2 commenti:

  1. Vedere una macchina da cucire accesa mi emoziona sempre..... sono proprio una bambina!!!! Comunque hai fatto bene a dar nuova vita al lenzuolo!!!

    RispondiElimina